Post

Hello my twenties 2

Immagine
Quattordici puntate di un'ora ciascuna. Ho visto la seconda stagione, su Netflix. E' una serie interessante, al femminile, dove la presenza maschile fa da spalla nel bene e nel male. Le cinque protagoniste rappresentano cinque modelli di donna differenti: la ragazza seria e responsabile, la ragazza esuberante e intraprendente, quella timida e sensibile, la bella e problematica per finire con l'efebo imbronciato e scontroso. Tuttavia, nel corso della serie le cinque personalità avranno modo di arrotondarsi, svelare maggiore complessità e intersecarsi in qualcosa di più articolato. Scopriremo che essere la responsabile del gruppo comporta ansia e frustrazione che può essere lenita solo con la fiducia negli altri e la presa di coscienza della propria fallibilità, si capirà che dietro una personalità allegra e vulcanica si può nascondere una profonda cicatrice che ha bisogno di essere capita ed affrontata, oppure che la condizione informe e chiusa dell'efebo può sbocciare…

Casse acustiche hi-fi Indiana Line Tesi

Immagine
Coppia Diffusori 2 Vie Bass Reflex Tesi 261 Noce - Indiana Line 

AVVERTENZE: Non sono un maniaco del suono e non ne ho le competenze, questa premessa è doverosa. Infatti non so nemmeno usare i termini tecnici per descrivere le caratteristiche sonore. Ho solo usato il mio udito e il mio cervello per cercare di descrivere quello che penso su queste casse.

Le ho prese per sostituire delle vecchie casse Pioneer a 3 vie (Pioneer CS-3070), di quelle che ti davano quando compravi un hi-fi completo negli anni 90.

La differenza è notevole. Le casse Pioneer , più grosse e potenti, impastano il suono in modo incredibile, fatte suonare sul medesimo impianto e col medesimo cd e confrontandole in tempo reale cone le nuove Indiana Line... be', sembra oggettivamente di ascoltare due cd differenti.

Le vecchie Pioneer non definiscono i suoni, creano pero' un effetto di insieme piu' caldo e avvolgente, a scapito della pulizia e della comprensione delle diverse frequenze. I bassi ci sono ma mis…

Fredric Brown: "Incubo verde"

Immagine
Un breve racconto dell'autore di "Sentinella".
Si svegliò perfettamente conscio della decisione, la grande decisione presa la sera precedente, mentre stava cercando di addormentarsi. Decisione che avrebbe dovuto mantenere senza debolezze, se avesse voluto considerarsi ancora un uomo. Doveva essere inflessibile nel domandare a sua moglie il divorzio, o tutto sarebbe stato perduto e non ne avrebbe mai più avuto il coraggio. Era stato inevitabile, se ne rendeva conto, adesso, già fin dall’inizio del suo matrimonio, sei anni fa: presto o tardi questa svolta, questo punto di rottura, si sarebbe verificato.

L’essere sposato a una donna più forte di lui, più forte in ogni campo, non era stato soltanto un’esperienza intollerabile, ma lo aveva reso a poco a poco sempre più debole, sempre più remissivo. Un topo senza speranza.
Sua moglie poteva superarlo, e lo superava, in tutto. Sapeva correre più in fretta di lui, camminare più a lungo, guidare la macchina meglio di quanto lui si…

Di passaggio

Immagine
Immaginate di avere pochi ricordi della vostra giovinezza, anzi fanciullezza. Immaginate che tra questi pochi ricordi ce ne sono alcuni che nonostante gli anni rimangono vivi e non sbiadiscono col tempo. Immaginate che tra questi ricordi, naturalmente, uno è legato ad una persona che in qualche modo vi era simpatica e che, finita l'epoca dei ricordi, non avete avuto mai più incontrato. Poi trascorrono trentacinque anni, e piuttosto casualmente vi imbattete in una raccolta di racconti scritti proprio da questa persona, che fareste? Acquistereste subito il libro e lo leggereste con grande curiosità.

Fatto il preambolo, qui sotto la recensione del libro in questione.
L'autrice è Sabrina Minutelli, professoressa di italiano alle scuole medie, nonché compagna di classe di elementarie e medie di chi sta scrivendo.
Il libro è acquistabile sulla piattaforma di self-publishing Ilmiolibro, qui:
https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/269394/di-passaggio/

Quindici micro-racconti. …

Scanner diapo ROLLEI DF-S 190 E

Immagine
Ho parecchie migliaia di fotografie vecchio stampo (negativi BN, color e diapo). La maggior parte sono "junk", molte sono utili per la memoria, molte centinaia in meno da conservare perche' carine, interessanti... insomma mi piacciono!

Ho uno scanner semi-professionale specifico per diapo e negativi 35 mm, un nikon coolscan V ED che quando acquistai costava abbastanza e fornisce ottimi risultati. Il limite? tempi di scansione biblici e se si vogliono ottenere risultati ottimi occorre perderci tantissimo tempo, per ogni singola immagine. Dunque uno strumento utile per scannerizzare la singola fotografia, che magari si vuole poi stampare o utilizzare per scopi lavorativi (brochure, illustrazione, impaginati). [ATTENZIONE: usato in accoppiata al software VueSCAN il lavoro si semplifica molto e si puo' scannerizzare più velocemente in formato RAW]

Poi sono comparsi sul mercato scanner snelli e veloci per negativi e pellicole (le marca piu' appetibile e' Reflecta…

Probelma F29 Scaldabagno Vaillant OutsideMAG: non risolto

Immagine
Nella ristrutturazioen di casa (2016) mi hanno installato il seguente scaldabagno istantaneo a gas:

Vaillant
modello: outsideMAG scaldabagno per esterno

Il modello in questione prevede una consolle da installare in casa che permette di accendere/spegnere, regolare la temperatura dell'acqua e impostare doccia/vasca.

1) PROBLEMA 1 - flussometro -  (in garanzia) risolto.
Nei primi 3 mesi di vita si è rotto per ben due volte lo stesso pezzo: il flussometro (mi sembra che si chiami cosi'), ossia un aggeggio che al passaggio dell'acqua gira e fa accendere lo scaldabagno. Se si rompe, lo scaldabagno non parte.
L'assistenza Vaillant di Monza (E.C.SERVICE srl) è uscita immediatamente (di sabato) e mi ha risolto entrambe le volte il problema che a distanza ormai di 3 anni no si è piu' ripresentato.
STATO: risolto


2) PROBLEMA 2 - F29 - (in garanzia) non risolto.
Contemporaneamente si è presentato un'altro problema. A distanza di circa 10-15 giorni la caldaia va in blocco e c…

Parcheggi a breve sosta in Aeroporto di Malpensa

Immagine
Nel sito di SEA dell'Aeroporto di Malpensa e' impossibile trovare info sui parcheggi a breve sosta. Trovate info solo sui parcheggi costosi e abbastanza scomodi (easy, express, holydays... da P1 a P5).

Se dovete andare a Malpensa e portare qualcuno o prenderlo e non vi bastano i 10 minuti di tempodisponibili per caricare/scaricare allora potete usare il parcheggio a breve sosta. Comodo e piu' economico degli altri parcheggi pubblicizzati dal sito SEA.

ZONA ARRIVI: Entrate nell'area 10 minuti e da li troverete l'ingresso al parcheggio sud e nord.  Potete lasciare l'auto massimo per 3 ore. la prima mezzora costa 1,5 euro. 1 ora costa 3 euro e le ore susccessive 2 euro. Quindi 3 ore= 7 euro, conto i 15 euro di tutti gli altri parcheggi.
(Verificato a Dicembre 2017)

Queste info non si trovano sul sito dell'aeroporto, perche'? Ho scritto all'help dell'aeroporto di Twitter e mi hanno risposto che segnalano la cosa all'aerea commerciale. Ma l'…